Entrata in vigore del D.M. 18 ottobre 2019 (modifiche al codice di prevenzione incendi)

Finalmente, la tanto attesa revisione del Codice di Prevenzione Incendi, di cui al D.M. 18 ottobre 2019, è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 256 del 31 ottobre 2019, ed è in vigore a tempo di record, già dal 1 novembre 2019.

Le modifiche e i chiarimenti sono molteplici e riguardano un po’ tutte le sezioni: la G, la S (tutte le strategie antincendio sono state “ritoccate”), la V, la M.

Pertanto, al recente obbligo (dal 21 ottobre 2019) di utilizzare il “Codice” per la progettazione delle attività non normate, si aggiunge una revisione dello stesso, resasi necessaria per risolvere diverse problematiche denunciate dagli operatori del settore (progettisti in primis), a partire dalla prima pubblicazione, del 03.08.2015.

Il nostro Studio ritiene che l’utilizzo del Codice di Prevenzione Incendi sia un’opportunità per tutte le aziende coinvolte, permettendo l’applicazione di una miriade di soluzioni tecniche, da quelle cosiddette “conformi” (suggerite dal codice stesso) fino a quelle “alternative”, ottenute applicando standard tecnici specifici (a volte internazionali) e/o metodi dell’ingegneria antincendio.

Il ns. Studio rimane a disposizione per un eventuale consulto gratuito da parte di aziende soggette al controllo VVF.

 

 

S.G.A. Engineering & Consulting

Via Carducci, 21 – 20081 Abbiategrasso (MI) – cell. 349.0627285

Via S. Siro, 1 – 28040 Paruzzaro (NO) – tel. 0322.230184  

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  -  sito internet: www.sga-ingegneria.it

PREVENZIONE INCENDI  SICUREZZA SUL LAVORO  CONTROLLI TERMOGRAFICI

20 ottobre 2019: entrata in vigore delle modifiche del Codice di Prevenzione Incendi

Dal 20 ottobre 2019, sono in vigore le modifiche al Codice prevenzione incendi previste dal D.M. 12 aprile 2019, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 95/2019.

La novità è sostanzialmente l’obbligo, per le attività soggette al controllo VVF e “non normate” (ad es. depositi, attività produttive in genere, etc.), di essere conformi al Codice di prevenzione incendi, ovvero al D.M. 03.08.2015.

In pratica, il doppio binario per la progettazione di attività soggette al controllo VVF  e non normate (prima consentito con il D.M. 10.03.1998 o, in alternativa, il Codice) è definitivamente cessato e la progettazione potrà essere eseguita solo con riferimento al Codice.

Per le sole attività “normate”, invece, si potranno usare ancora le regole tecniche vigenti o, in alternativa, il Codice (ad es. scuole, alberghi, autorimesse, attività commerciali, etc.).

Il nostro Studio ritiene che l’utilizzo del Codice sia un’opportunità per tutte le aziende coinvolte, permettendo l’applicazione di una miriade di soluzioni tecniche, da quelle cosiddette “conformi” (suggerite dal codice stesso) fino a quelle “alternative”, ottenute applicando standard tecnici specifici (a volte internazionali) e/o metodi dell’ingegneria antincendio.

Il ns. Studio rimane a disposizione per un eventuale consulto gratuito da parte di aziende soggette al controllo VVF e quindi interessate dall’entrata in vigore definitiva del Codice di Prevenzione Incendi.

 

 

S.G.A. Engineering & Consulting

Via Carducci, 21 – 20081 Abbiategrasso (MI) – cell. 349.0627285

Via S. Siro, 1 – 28040 Paruzzaro (NO) – tel. 0322.230184  

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  -  sito internet: www.sga-ingegneria.it

PREVENZIONE INCENDI  SICUREZZA SUL LAVORO  CONTROLLI TERMOGRAFICI

UNI/TR 11607: “Linea guida per la progettazione, l’installazione, la messa in servizio, l’esercizio e la manutenzione degli avvisatori acustici e luminosi di allarme incendio”

Dal 19/11/2015 è entrato a far parte del corpo normativo nazionale dell’UNI il rapporto tecnico  UNI/TR 11607, per la protezione attiva contro gli incendi, intitolato “Linea guida per la progettazione, l’installazione, la messa in servizio, l’esercizio e la manutenzione degli avvisatori acustici e luminosi di allarme incendio”.

Sicurezza antincendio per edifici condominiali di civile abitazione: nuove disposizioni dal 6 maggio 2019

E' stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale (n. 30 del 5 febbraio 2019) il D.M. 25 gennaio 2019, contenente: “Modifiche ed integrazioni all’allegato del decreto 16 maggio 1987 n. 246, concernente norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione”.

Il decreto riguarda gli edifici abitativi con altezza antincendio maggiore di 12 m, sia esistenti che di nuova realizzazione.

Tra le principali novità introdotte si rilevano:

·        Obbligo, per gli edifici con altezza antincendio maggiore di 24 m, di valutare il rischio incendio delle facciate (si applica ad edifici nuovi o per quelli esistenti  in cui è previsto il rifacimento delle facciate oltre il 50 % della loro superficie complessiva);

·        Misure gestionali da attuare in funzione del livello di prestazione (LP). I livelli sono quattro, in funzione dell’altezza antincendio dell’edificio (proporzionati ai rispettivi  livelli di rischio).

Interessanti sono le misure gestionali richieste per gli edifici con LP=1, i più frequenti tra quelli soggetti al controllo VVF (edifici abitativi con altezza antincendio compresa tra 24 e 54 m). Per questi è richiesta:

·        Apposita pianificazione dell’emergenza, che va predisposta, comunicata e verificata;

·        La valutazione del rischio incendio in caso di modifiche alle strutture, alle finiture, al rivestimento delle facciate, all’isolamento termico ed acustico degli impianti.

Per gli edifici con LP>1 è richiesta anche l’installazione di sistemi di segnalazione allarme incendio / EVAC.

Il Decreto entrerà in vigore il 6 maggio 2019  e prevede un transitorio per l’attuazione delle misure pari a:

·        2 anni per l’installazione di impianti di segnalazione/ EVAC

·        1 anno per le rimanenti misure (gestionali)

 

Il ns. Studio, da anni impegnato in progettazione antincendio e valutazione dei rischi incendi e ATEX, rimane a disposizione delle Amministrazioni Condominiali per eventuali richieste di approfondimento.

 

Per saperne di più potete chiamare in orario d’ufficio oppure scrivere a:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   

 

La semiotica degli incendi

E' stata pubblicata, nella biblioteca online del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, un'utile guida per l'interpretazione dei segni di un incendio.

La guida, rivolta prevalentemente ai tecnici operanti nel settore della fire investigation, è un utile strumento per comprendere le origini, le cause e le dinamiche relative ad un evento incendiario.

Per saperne di più si rimanda al sito istituzionale dei Vigili del Fuoco:  http://www.vigilfuoco.it/allegati/biblioteca/SemioticaIncendio.pdf

 

prevenzione incendi: nuova RTV per le attività commerciali

Nella Gazzetta Ufficiale n. 281 del 03/12/2018 è stata pubblicata la nuova regola tecnica verticale (RTV) relativa alle attività commerciali, che integra con il nuovo capitolo V.8 il D.M. 03.08.2015 (cosiddetto “Codice di prevenzione incendi”).

La nuova RTV riguarda le “attività commerciali ove sia prevista la vendita e l’esposizione di beni, con superficie lorda superiore a 400 mq, comprensiva di servizi, depositi e spazi comuni coperti” (attività n. 69 del DPR n. 151/2011, allegato 1).

La nuova RTV, a differenza del D.M. 27/07/2010 (che rimane comunque ancora utilizzabile), permette quindi di ricondurre la progettazione antincendio dell’attività commerciale a quella sicuramente più moderna e strutturata del “Codice di prevenzione incendi”.

 

In prima battuta balza sicuramente all’occhio il fatto che il legislatore abbia previsto le aree TB2, ossia quelle “per vendita di retro-banco, comprensive di spazi comuni, accessibili al pubblico e di superficie inferiori a 100 mq”.

Per queste aree, il D.M. 27/07/2010 prescrive sostanzialmente la loro compartimentazione dalle aree di deposito, a meno di particolari condizioni (superficie del deposito < 20 % della superficie di vendita), e addirittura la loro comunicazione con filtro a prova di fumo per i depositi maggiori di 1.000 mq. La nuova RTV, invece, non prescrive la compartimentazione delle aree per vendita di retrobanco (TB2) con i depositi (purché questi siano di tipo TM1, ossia con carico di incendio qf < 1200 MJ/mq).

 

Altra novità. Per i depositi con quota dei piani compresa tra -5 m e 12 m (HB) e carico di incendio qf < a 900 MJ/mq (TM1) e in quelli ubicati in edifici misti con qf < 600 MJ/mq (indipendentemente dalla superficie) non è cogente l’impianto di spegnimento automatico, ma è sufficiente una rete idranti (livello di prestazione III). Si rammenta, invece, che il D.M. 27.07.2010 prescrive maggiori limitazioni, ossia l’impianto di spegnimento automatico per i depositi con carico di incendio qf>600 MJ/mq o con superficie > 1000 mq.

 

Il ns. Studio effettua analisi preliminari e progettazione ad hoc di prevenzione incendi, con "approccio codicistico" (RTO+RTV di cui al DM 03.08.2015), finalizzato a determinare soluzioni tecniche “equilibriate”, che cioè siano conformi alla normativa antincendio e, al contempo, minimizzino l’impatto economico per gli adeguamenti.

 

Per un preventivo gratuito potete chiamarci in orario d’ufficio oppure scrivere a:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   

Abolizione del Registro Infortuni

Il registro infortuni non è più obbligatorio dal 23 dicembre 2015.

A prevederlo è l'art.21 comma 4 del DLgs n. 151/15, in vigore dal 24 settembre 2015, che stabilisce che "a decorrere dal novantesimo giorno successivo alla data di entrata in vigore del presente decreto, è abolito l'obbligo di tenuta del registro infortuni".

Cookie Policy

Uso dei cookie

Il "Sito" (sga-ingegneria.it) utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di sga-ingegneria.it. Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente. Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.

Analizzandoli in maniera particolareggiata i nostri cookie permettono di:

  • memorizzare le preferenze inserite;
  • evitare di reinserire le stesse informazioni più volte durante la visita quali ad esempio nome utente e password;
  • analizzare l’utilizzo dei servizi e dei contenuti forniti da sga-ingegneria.it per ottimizzarne l’esperienza di navigazione e i servizi offerti.

Tipologie di Cookie

Cookie tecnici

Questa tipologia di cookie permette il corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Sono di due categorie: persistenti e di sessione:

  • persistenti: una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata
  • di sessione: vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso

Questi cookie, inviati sempre dal nostro dominio, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti, verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser (inficiando così la visualizzazione delle pagine del sito).

Cookie analitici

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito. Sga-ingegneria.it userà queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul Sito. I cookie analitici sono inviati dal Sito Stesso o da domini di terze parti.

Cookie di analisi di servizi di terze parti

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

Cookie di profilazione

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.

Sga-ingegneria.it, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:

  • Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito.
  • Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti

Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

Siti Web e servizi di terze parti

Il Sito potrebbe contenere collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy che può essere diverse da quella adottata da sga-ingegneria.it e che che quindi non risponde di questi siti.

 

Elenco cookie

Cookie Dominio Scadenza Cookie terze parti Cookie permanente Cookie di sessione
impression.php/# facebook.com Session   Cookie terze parti    
i/jot twitter.com Session   Cookie terze parti    
NID google.com Session   Cookie terze parti    
OGP google.com Session   Cookie terze parti    
1P_JAR google.com Session   Cookie terze parti    
57ec44fcbb42de86091bd2d8e7d587be www.sga-ingegneria.it 09 maggio 2020 alle 10:41 729 giorni   Cookie permanente  

Ultimo aggiornamento 10/05/2018

Informazioni sui cookie

impression.php/#

Utilizzato da Facebook per registrare impressioni su pagine con il pulsante di accesso di Facebook.

 facebook.com › cookie

 

i/jot

Utilizzato da Twitter per registrare impressioni su pagine con il pulsante di accesso di Twitter.

 twitter.com › cookie

 

NID

Registra un ID univoco che identifica il dispositivo dell'utente che ritorna sul sito. L'ID viene utilizzato per pubblicità mirate.

 google.com › cookie

 

OGP

Associato al servizio googlemap legato alla geolocalizzazione.

 google.com › cookie

 

1P-JAR

Associato al servizio googlemap legato alla geolocalizzazione.

 google.com › cookie



Come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser

Se desideri approfondire le modalità con cui il tuo browser memorizza i cookies durante la tua navigazione, ti invitiamo a seguire questi link sui siti dei rispettivi fornitori.

Mozilla Firefox https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie
Google Chrome https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
Internet Explorer http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies
Safari 6/7 Mavericks https://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT&locale=it_IT
Safari 8 Yosemite https://support.apple.com/kb/PH19214?viewlocale=it_IT&locale=it_IT
Safari su iPhone, iPad, o iPod touch https://support.apple.com/it-it/HT201265

Nel caso in cui il tuo browser non sia presente all'interno di questo elenco puoi richiedere maggiori informazioni inviando una email all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Provvederemo a fornirti le informazioni necessarie per una navigazione anonima e sicura.

test di resistenza al fuoco su volta in muratura

E' del 23/09/2015 la pubblicazione della Lettera Circolare del M.I. prot. n. 0011074, relativa alla prova di resistenza al fuoco di una volta a botte in muratura.

Le cause d’incendio e/o di esplosione nelle caldaie e generatori di calore in ambienti domestici

Il 18 febbraio 2016 è stata pubblicata nella biblioteca online del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, un'interessante guida elaborata dal Nucleo Investigativo Antincendi, che illustra i rischi associati a scorrette installazioni di caldaie ad uso civile.

Pubblicato il D.M. 3 agosto 2015 (codice di Prevenzione Incendi)

Il 20 agosto 2015 è stato pubblicato in G.U. il D.M. 3 agosto 2015, noto più semplicemente come “Codice di prevenzione incendi”, entrato in vigore il 18 novembre 2015. La novità riguarda le attività soggette al controllo VVF, ricadenti cioè nell’elenco di cui al D.P.R. n. 151/2011 (quelle cioè che hanno l’obbligo di presentare la SCIA ai fini antincendio).
Il nuovo codice è applicabile ad un numero rilevante di attività (sostanzialmente quelle del settore produttivo, industriale ed artigianale), ad oggi “non normate”. Rimangono escluse quelle già munite di regola tecnica, quali alberghi, scuole, ospedali, locali di pubblico spettacolo, centri commerciali, etc.

pubblicato database VVF CLARAF 3.0

 

Sul sito istituzionale dei Vigili del Fuoco è scaricabile il nuovo database CLARAF 3.0, che permette il calcolo della classe di resistenza al fuoco secondo i criteri di cui al D.M. 3 agosto 2015 ("Codice" di prevenzione incendi).

Intro SGA – articoli tecnici

UP TOGGLE DOWN

Certificato di idoneità statica (CIS) nel Comune di Milano

  L'attuale Regolamento Edilizio di Milano obbliga i proprietari o amministratori di immobili, di...

Fire Safety Engineering: un ringraziamento

Sebbene l'utilizzo della Fire Safety Engineering da parte del mio Studio risalga a ben prima...

La banalità del morire (due casi di infortunio mortale sul lavoro)

Prossimo alla pausa estiva, col caldo che attanaglia le ultime energie, mi accingo a fare una...

LA PREVENZIONE NEGLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE ESISTENTI (ante ’87)

Le città italiane sono costituite da molti edifici di civile abitazione con altezza antincendio...

Prevenzione incendi nelle autorimesse: nuova RTV per le autorimesse (D.M. 21.02.2017)

  La Regola Tecnica Verticale di cui al D.M. 21.02.2017 (RTV), che diventa parte integrante del ...

Resistenza al fuoco dei solai: pubblicato sulla rivista tecnica "Antincendio", un articolo a firma di Ing. Andrea Giordano

Nel mensile di Aprile 2016, la rivista ANTINCENDIO (appartenente al gruppo editoriale EPC), ha...

PROMOZIONI IN CORSO

NEWS

UP TOGGLE DOWN

20 ottobre 2019: entrata in vigore delle modifiche del Codice di Prevenzione Incendi

Dal 20 ottobre 2019, sono in vigore le modifiche al Codice prevenzione incendi previste dal D.M....

Abolizione del Registro Infortuni

Il registro infortuni non è più obbligatorio dal 23 dicembre 2015. A prevederlo è l'art.21 comma 4...

Cause di incendio negli impianti FV

Nella biblioteca on line dei Vigili del Fuoco, è reperibile la "Relazione tecnica sugli incendi...

Cookie Policy

Uso dei cookie Il "Sito" (sga-ingegneria.it) utilizza i Cookie per rendere i propri servizi...

Entrata in vigore del D.M. 18 ottobre 2019 (modifiche al codice di prevenzione incendi)

Finalmente, la tanto attesa revisione del Codice di Prevenzione Incendi, di cui al D.M. 18...
© 2015 S.G.A. Engineering & Consulting di Ing. Andrea Giordano. Privacy Policy | Cookie Policy
WebMaster Gragraphic