BANDO ISI 2015

BANDO ISI 2015: cos’è e come funziona ?

L’INAIL finanzia in conto capitale le spese sostenute per progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. I destinatari degli incentivi sono le imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di commercio, industria, artigianato ed agricoltura.

I Fondi resi disponibili dal BANDO ISI 2015 ammontano a euro 276.269.986,00. I finanziamenti sono a fondo perduto

e vengono assegnati fino a esaurimento, secondo l’ordine cronologico di arrivo delle domande. Il contributo, pari al 65% dell’investimento, per un massimo di 130.000 euro, viene erogato a seguito del superamento della verifica tecnico-amministrativa e la conseguente realizzazione del progetto ed è cumulabile con benefici derivanti da interventi pubblici di garanzia sul credito (es. gestiti dal Fondo di garanzia delle Pmi e da Ismea).

I fondi sono concessi per progetti che migliorano salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Per ogni bando annuale si può presentare un solo progetto, per una sola unità produttiva, in Italia.

Per predisporre l'APPOSITO PROGETTO DI INVESTIMENTO è necessaria una perizia giurata  che deve rigorosamente rispettare i requisiti (tecnici) fissati negli allegati al bando.

In merito, il ns. Studio è a disposizione per valutare e periziare idonei interventi di “messa in sicurezza” della vs. azienda.

 

La domanda per accedere al finanziamento è scomponibile in tre fasi.

1. La prima fase, è l'inserimento (online) del progetto, possibile dal 1 marzo 2016; questa fase consente alle imprese di:

- effettuare simulazioni relative al progetto da presentare,

- verificare il raggiungimento della soglia di ammissibilità;

- salvare la domanda inserita;

- effettuare la registrazione della propria domanda.

Il progetto va inserito esclusivamente dal 1 marzo 2016 fino alle ore 18 del 5 maggio 2016 previa registrazione sul portale dell'INAIL, sul quale è sempre possibile reperire ogni ulteriore dettaglio.

 

2. La seconda fase consente, alle sole domande inserite e salvate che hanno raggiunto il punteggio, di scaricare (download) dal medesimo portale un codice identificativo univoco. Ciò è possibile dal 12 maggio 2016.

 

3. La terza fase è il cosiddetto "click - day" e cioè la trasmissione (utilizzando il codice identificativo c.s.) della domanda; trasmissione che determina l'ordine cronologico (graduatoria).

Le date e gli orari del click day saranno pubblicati sul sito dell'INAIL a partire dal 19 maggio 2016.

I fondi verranno assegnati in base all'ordine cronologico di ricezione delle domande, ma fino ad esaurimento, che può verificarsi nel giro di pochi minuti: per non vanificare l’esito della domanda è essenziale la massima tempestività.

 

Segue un elenco dei principali PROGETTI DI INVESTIMENTO che dovrebbero essere ammissibili:

- riduzione (lavori di istallazione, modifica o adeguamento) del rischio di incendio (ad es. impianti antincendio, etc.);

- riduzione (lavori di istallazione, modifica o adeguamento) del rischio elettrico;

- eliminazione o riduzione del rischio legato a uno o più agenti chimici cancerogeni o mutageni;

- bonifica (n.b.: rimozione e non mero smaltimento) da materiali contenenti amianto (es. eternit);

- miglioramento attività lavorative in "ambienti confinati" (rilevazione di agenti chimici, protezione delle vie respiratorie individuali, etc.)

- lavori di istallazione, modifica o adeguamento di impianti di aspirazione e ventilazione;

- riduzione del rischio rumore (mediante interventi ambientali sulla sua trasmissione o propagazione e mediante la sostituzione di macchine con altre di minore potenza sonora);

- riduzione e/o eliminazione del rischio legato ad agenti biologici e chimici pericolosi oppure a radiazioni (ionizzanti, non ionizzanti, ottiche artificiali);

- riduzione del rischio derivante da vibrazioni meccaniche (mediante la sostituzione di macchine con altre che producono minori livelli di vibrazione);

- acquisto di macchine per eliminazione e/o riduzione del rischio legato alla movimentazione manuale dei carichi pesanti (che comportano patologie da sovraccarico biomeccanico per il lavoratori);

- acquisto di macchine per la riduzione del rischio di caduta nei "lavori in quota";

SPECIALMENTE IN QUESTE ULTIME DUE CATEGORIE DI ACQUISTI RIENTRANO MOLTI "MACCHINARI" (ESCAVATORI, PALE GOMMATE, GRU, PRESSE, FRESE, TORNI, LINEE PRODUTTIVE, FORNI, ETC.) E MOLTE "ATTREZZATURE E IMPIANTI SPECIFICI" (CAPPE D'ASPIRAZIONE, MULETTI, CARROPONTE, PONTEGGI, PIATTAFORME, MEZZI DI SOLLEVAMENTO, ETC.) CHE POSSONO ESSERE ANCHE USATI PURCHE' MARCATI "CE".

- riduzione del rischio infortunistico;

- altre ristrutturazioni o modifiche strutturali e/o impiantistiche degli ambienti di lavoro (che migliorino le condizioni di salute per i lavoratori);

NON SARANNO AMMESSE OPERE (ES. EDILI)  CHE NON AUMENTANO LA SICUREZZA O LA SALUTE: DEVONO ESSERE NECESSARIE E STRETTAMENTE COLLEGATE AGLI INTERVENTI DI CUI SOPRA.

Sono ammissibili anche i progetti per l'adozione o implementazione dei "modelli organizzativi e di responsabilità sociale" (SGL  certificato BS OHSAS 18001:07, SGLS, art. 30 D.Lgs. 81/2008, UNI INAIL, SA8000, D.Lgs 231/2001, etc.)

 

Per eventuali approfondimenti si rimanda al sito istituzionale dell'INAIL: http://www.inail.it/internet/default/INAILincasodi/Incentiviperlasicurezza/BandoIsi2015/index.html

 

Intro SGA – articoli tecnici

UP TOGGLE DOWN

"validazione" di un sistema sprinkler mediante software FDS

Metodi computazionali di studio degli incendi possono essere adoperati per validare il...

Certificato di idoneità statica (CIS) nel Comune di Milano

  L'attuale Regolamento Edilizio di Milano obbliga i proprietari o amministratori di immobili, di...

La banalità del morire (due casi di infortunio mortale sul lavoro)

Prossimo alla pausa estiva, col caldo che attanaglia le ultime energie, mi accingo a fare una...

LA PREVENZIONE NEGLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE ESISTENTI (ante ’87)

Le città italiane sono costituite da molti edifici di civile abitazione con altezza antincendio...

Prevenzione incendi nelle autorimesse: nuova RTV per le autorimesse (D.M. 21.02.2017)

  La Regola Tecnica Verticale di cui al D.M. 21.02.2017 (RTV), che diventa parte integrante del ...

Resistenza al fuoco dei solai: pubblicato sulla rivista tecnica "Antincendio", un articolo a firma di Ing. Andrea Giordano

Nel mensile di Aprile 2016, la rivista ANTINCENDIO (appartenente al gruppo editoriale EPC), ha...

PROMOZIONI IN CORSO

Nessun articolo inserito in questo momento.

NEWS

UP TOGGLE DOWN

Abolizione del Registro Infortuni

Il registro infortuni non è più obbligatorio dal 23 dicembre 2015. A prevederlo è l'art.21 comma 4...

Cause di incendio negli impianti FV

Nella biblioteca on line dei Vigili del Fuoco, è reperibile la "Relazione tecnica sugli incendi...

Cookie Policy

Uso dei cookie Il "Sito" (sga-ingegneria.it) utilizza i Cookie per rendere i propri servizi...

La semiotica degli incendi

E' stata pubblicata, nella biblioteca online del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, un'utile...

Le cause d’incendio e/o di esplosione nelle caldaie e generatori di calore in ambienti domestici

Il 18 febbraio 2016 è stata pubblicata nella biblioteca online del Corpo Nazionale dei Vigili del...
© 2015 S.G.A. Engineering & Consulting di Ing. Andrea Giordano. Privacy Policy | Cookie Policy
WebMaster Gragraphic